lunedì 23 luglio 2012

Il corpo senza Organi



Il 28 novembre 1947 Artaud dichiara guerra agli organi: Pour en finir avec le jugement de Dieu, « perchè, legatemi, se volete, ma non c’è nulla che sia più inutile di un organo ». Si tratta di una sperimentazione che non è solo radiofonica ma anche biologica, politica e attira su di se censura e repressione. Corpus e Socius, politica e sperimentazione. Non vi lasceranno sperimentare nel vostro cantuccio. Il corpo senza organi: è già in movimento non appena il corpo ne ha abbastanza degli organi e vuole lasciarli cadere oppure perderli. Lunga processione: del corpo ipocondriaco i cui organi sono distrutti, la cui distruzione ha già avuto luogo, non avviene più nulla. Del corpo paranoico dove gli organi continuano ad essere attaccati da influenze, ma anche restaurati da energie esterne del corpo schizo, il quale accede a una lotta interiore attiva che conduce esso stesso contro gli organi, a prezzo della catatonia, e poi del corpo drogato, schizo sperimentale: “ l’organismo umano è di una inefficacia scandalosa”; invece di una bocca e di un ano che rischiano entrambi di rovinarsi, perché non si dovrebbe avere un solo orifizio polivalente per l’alimentazione e la defecazione? Si potrebbe murare la bocca e il naso, colmare lo stomaco e scavare un buco di areazione direttamente nei polmoni, cosa che avrebbe dovuto esser fatta fin dall’origine”. Del corpo masochista, lo si capisce male se si parte dal dolore, è  innanzitutto un affare di corpo senza organi; si fa cucire dal suo sadico o dalla sua puttana, cucire gli occhi, l’ano,l’utero, i seni, il naso; si fa appendere per fermare l’attività degli organi , scorticare come se gli organi avessero cara la pelle, inculare, soffocare, perché tutto sia ben sigillato. Perché questa lugubre schiera di corpi cuciti, vetrificati, catatonizzati, aspirati, dal momento che il corpo senza organi è anche pieno di gioia, di estasi, di danza? Allora perché questi esempi? Perché bisogna passare attraverso di loro? Corpi svuotati invece di corpi pieni. Che cosa è accaduto? Avete usato la prudenza necessaria? Non la saggezza, ma la prudenza come dose, come regola immanente alla sperimentazione: iniezioni di prudenza. Molti sono vinti in questa battaglia. E’ così triste e pericoloso non poter più sopportare gli occhi per vedere, i polmoni per respirare, la bocca per inghiottire, la lingua per parlare, il cervello per pensare, l’ano e la laringe, la testa e le gambe? Perché non camminare sulla testa, con i seni, vedere con la pelle, respirare con il ventre? Cosa semplice, entità, corpo pieno, viaggio immobile, anoressia, visione cutanea, yoga, krishna, love, sperimentazione. Dove la psicoanalisi dice: fermatevi ritrovate il vostro io, bisognerebbe dire : andiamo ancora più lontano non abbiamo ancora trovato il nostro corpo senza organi non abbiamo ancora disfatto abbastanza il nostro io. Sostituite l’Anamesi con l’oblio, l’interpretazione con la sperimentazione. Trovate il vostro corpo senza organi, sappia telo fare, è una questione di vita o di morte, di giovinezza e di vecchiaia, di tristezza e di allegria. Ed è qui che tutto si gioca.
Tratto da Deleuze e Guattari- Come farsi un corpo senza organi
Nadir e Omprakash  

Nessun commento:

Posta un commento